Sezione di Milano - Via V.Monti, 36 - 20123 Milano - tel: 0248519720 - fax: 0248025928 - email: milano@ana.it
OPERAZIONE
"PANETTONE DEGLI ALPINI"


Concerti Cori della Sezione


Menù Principale


80° della Sezione


Teresio Olivelli


Scrivici
Manda una e-mail:
direttamente al
oppure alla


ANA Milano in Facebook


I graffiti della sede sezionale


Online
Abbiamo 92 ospiti e 0 iscritti in linea.

Non ti sei ancora registrato?
Puoi farlo adesso click qui.


Progetto Caduti 1915-18


Alpini in Armi


I nostri grandi uomini



Formazione sezionale 2015
Incontri di formazione sezionale

Tecnica giornalistica
Parlare in pubblico
Relazioni Pubbliche
Gestire riunioni efficaci


ALPINI IN ARMI
Ultima modifica : 2012-11-27 17:55:57 (159156 leggi)
[Pagina di stampa | Invia ad un amico]

Notizie dai nostri reparti.....


Cliccate qui per accedere al blog de "La Stampa" intitolato "Diario da Herat", contenente aggiornamenti sui nostri soldati in Afghanistan.


Dando seguito a quanto anticipato al CISA di Conegliano, il colonnello Maurizio Paissan (Capo Ufficio Pubblica Informazione del Comando Truppe Alpine di Bolzano) ci invia informazioni e foto su alcune attività svolte dagli Alpini in Armi.

Di seguito il comunicato sul rientro della Brigata JULIA con il 5° reggimento alpini di Vipiteno (BZ), il 7° alpini di Belluno e l’8° di Cividale (UD), il 3° artiglieria da montagna di Tolmezzo (UD) ed i 2° rgt. genio alpino di Trento.

Udine 29 aprile 2011 – In un clima ricco di emozioni si è svolta questa mattina, alla presenza del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito Generale di Corpo d’Armata Giuseppe Valotto, la cerimonia militare di saluto degli oltre 1500 alpini della Brigata alpina “Julia”, rientrati dal Teatro Operativo afghano.
Presente alla cerimonia anche il personale del Reggimento lagunari “Serenissima”, che ha operato in Afghanistan inserito nella compagine alpina integrandosi in maniera eccellente nel contingente.
La cerimonia, a suggello del forte legame con il territorio che è da sempre una caratteristica della “Julia”, si è svolta nel centro della città dopo che i Reparti in armi hanno sfilato lungo le vie cittadine.
Piena soddisfazione per l’operato della Brigata alpina “Julia” e degli assetti che l’Esercito schiera in Afghanistan è stata espressa dal Gen. VALOTTO. Soddisfazione già espressa in teatro operativo dal Generale statunitense Petraeus, comandante in capo della missione ISAF, al comandante della Brigata “Julia” e ai suoi uomini e concretizzata con il conferimento di una medaglia al merito (legion of merit) al Gen. di Brigata Marcello Bellacicco che, nel corso del suo mandato, ha avuto sotto il suo comando anche 2.000 militari americani.
L’impegno e la professionalità dei soldati italiani hanno contribuito al miglioramento delle condizioni di sicurezza da Bala Murghab, al confine con il Turkmenistan, sino al Gulistan dove gli alpini, primi italiani ad operare in quest’area, hanno creato presupposti di sicurezza permettendo alla popolazione locale di rientrare nelle proprie abitazioni abbandonate da anni. L’esempio emblematico delle attività svolte è la stabilizzazione della città di Herat che, in virtù del miglioramento delle condizioni di sicurezza ottenuto grazie alla preparazione ed alla competenza delle truppe italiane, dal mese di giugno 2011 sarà posta sotto la diretta responsabilità delle forze di sicurezza locali.
Molteplici sono state le attività svolte con la collaborazione degli alpini in congedo, il cui sforzo umanitario ha permesso la raccolta di fondi che sono stati impiegati per finanziare un centro medico nella città di Herat. Il forte collegamento con l'ANA ha garantito la distribuzione di medicinali ed altri generi di prima necessità provenienti dalle donazioni raccolte dalle sezioni fortemente legate agli alpini in armi.Di seguito il comunicato sul rientro della Brigata JULIA con il 5° reggimento alpini di Vipiteno (BZ), il 7° alpini di Belluno e l’8° di Cividale (UD), il 3° artiglieria da montagna di Tolmezzo (UD) ed i 2° rgt. genio alpino di Trento.


Task Force South East - Gli alpini del 7° reggimento cedono ai paracadutisti del 186°
Herat, 14 febbraio 2011 – “Onori” alle bandiere di guerra che lasciano l’area della cerimonia! Queste le parole che sanciscono il passaggio di consegne tra i reparti nell’ambito della Task Force South East.
Sono passati 167 giorni, da quando la TF-SE, composta da personale del 7° reggimento alpini con importanti rinforzi del 2° reggimento genio di Trento e del 232° reggimento trasmissioni di Avellino, ha assunto la piena responsabilità dell’area che comprende i distretti di Bakwa, del Golestan e del Pur Chaman. I paracadutisti del 186° reggimento di Siena sono i prossimi attori chiamati a dare continuità all’eccellente operato degli alpini comandati dal Col. Paolo Sfarra.
Un caldo sole di febbraio ha contribuito ad asciugare il terreno desertico, dopo giorni di abbondanti e persistenti piogge, permettendo così agli elicotteri della Marina Militare di far presenziare all’avvicendamento tra i reparti, il Comandante del Regional Command West Gen. B. Marcello Bellacicco e i rappresentanti delle autorità locali tra i quali spiccano le figure del Capo della Polizia della provincia di Farah, del Responsabile provinciale dei Servizi di Sicurezza e del Comandante della 2° Brigata dell’esercito afgano che hanno voluto essere presenti a dimostrazione del legame creato tra i militari e le popolazione civile.
Nella cerimonia un momento anche per il ricordo di Gianmarco, Marco, Sebastiano, Francesco, Matteo che sono caduti nella loro missione. Si tirano le somme, si fanno i bilanci. Partendo dalle consegne ricevute dagli statunitensi e dei georgiani che prima degli italiani gestivano quella che allora era l’”Op. box Tripoli” molto è stato fatto. I nostri militari hanno lavorato molto per garantire una maggiore sicurezza nell’area, pattuglie quotidiane motorizzate, a bordo dei Lince, a breve, medio e lungo raggio; appiedate nei pressi delle Basi avanzate, hanno garantito nel corso dei mesi di aumentare le precarie condizioni di sicurezza sia dei militari stessi, ma principalmente della popolazione locale.
Popolazione, che è stata il fulcro delle attività della Task Force, aiuti umanitari quali cibo, medicinali, attrezzi per lavorare la terra, kit scolastici sono una parte di quanto donato in sostegno degli abitanti.
Duecentomila, gli euro investiti nello sviluppo di progetti nelle aree del Golestan e di Bakwa. Una scuola femminile, distrutta dai ribelli qualche tempo fa, è stata restaurata dai lavoratori locali sotto la supervisione dei nostri militari e riconsegnata alla comunità nel mese di gennaio, la piazza ed il bazaar di un villaggio sono stati pavimentati con la ghiaia, una moschea e una clinica e molteplici pozzi per l’acqua sono stati restaurati e donati nuovamente ai cittadini locali, il bazaar di Bakwa è stato riaperto dopo cinque mesi di chiusura forzata in quanto i lavoratori furono minacciati dagli insorti. La popolazione che ha dimostrato apprezzamento e riconoscenza per il lavoro svolto dagli alpini, apprezzamento riconosciuto anche dalle autorità locali e forze di sicurezza afgane.
L’ambiente in cui dovranno continuare ad operare i paracadutisti del 186° rimane sicuramente molto impegnativo e non privo di rischi, un ambiente dove un tassello, al complicato processo di stabilizzazione dell’area, è stato aggiunto.

Visita del Comandante Forze Operative Terrestri
Bolzano, 15 febbraio 2011 - Il Generale di Corpo d’Armata Francesco Tarricone, che dallo scorso 16 dicembre ha assunto il Comando delle Forze Operative Terrestri di Verona, ha visitato il Comando delle Truppe Alpine di Bolzano. Il Comando delle Forze Operative Terrestri comprende, oltre al Comando Truppe Alpine, i Comandi delle Forze di Difesa (1° e 2° FOD), dei Supporti (COMSUP), delle trasmissioni e informazioni dell’Esercito (COTIE), dell’Aviazione dell’Esercito (COMAVES) ed il Comando NATO di reazione rapida a guida italiana (NRDC – IT) comprese tutte le Unità poste alle loro dipendenze (circa l’80% dell’Esercito Italiano) e costituisce, di fatto, la parte operativamente impiegabile della Forza Armata.
La visita è iniziata questa mattina, con la resa degli onori da parte di un picchetto in armi del 5° Reggimento alpini presso il Palazzo Alti Comandi di Piazza IV novembre, dove il Comandante delle Truppe Alpine, Generale di Corpo d’Armata Alberto Primicerj, ha ricevuto l’illustre ospite. Dopo la firma dell’albo d’onore, nel corso di un briefing, sono state illustrate al Comandante delle Forze Operative Terrestri le principali caratteristiche delle Truppe Alpine che l’Ufficiale ha recentemente visto in azione durante i campionati sciistici, in Alta Val Pusteria. Successivamente, il Gen. Tarricone ha incontrato il personale del Comando Truppe Alpine, cui ha avuto modo di illustrare i prossimi impegni e le prospettive future della Forza Armata.
La visita si è conclusa nel pomeriggio al Centro Druso dove il Comandante delle Forze Operative Terrestri ha visto i moderni dispositivi in dotazione per lo studio e la prevenzione delle valanghe, che il personale specializzato del Comando Truppe Alpine impiega giornalmente per la compilazione dei bollettini “Meteomont”.

La Sezione di Milano dell'Associazione Nazionale Alpini è vicina alle famiglie e agli amici dei quattro alpini del 7° reggimento della "Julia", uccisi la mattina del 9 ottobre in Afghanistan: sono i caporali maggiori Francesco Vannozzi, 26 anni, toscano, Gianmarco Manca, 32 anni, di Alghero (Sassari), Sebastiano Ville, 27, di Francofonte (Siracusa) e Marco Pedone, 23 anni, salentino.

13 ottobre 2010
Afghanistan: Gli Alpini de "L'Aquila" inaugurano un pozzo d'acqua

Comunicato stampa
17 maggio 2010
Il Comando Brigata alpina Taurinense informa dell'attentato di cui sono rimasti vittime due alpini

Comunicato stampa e scheda con elenco Caduti
28 aprile 2010
A seguito del passaggio di consegne tra il 1° reggimento bersaglieri e il 3° reggimento alpini di Pinerolo, avvenuto oggi a Shindand, nell'Afghanistan occidentale (settore meridionale della provincia di Herat in RC-WEST) ora la responsabilità è del Comando Brigata alpina Taurinense

Passaggio consegne 1
Passaggio consegne 2
Passaggio consegne 3
Comunicato stampa
19 aprile 2010
Al rientro del contingente inviato in soccorso ai terremotati di Haiti, pubblichiamo un resoconto degli interventi effettuati, corredato da un paio di foto

Genio alpino ad Haiti 1
Genio alpino ad Haiti 1
Comunicato riassuntivo soccorsi ad Haiti
14 aprile 2010
Ecco il Comunicato sul Soccorso Piste svolto dagli alpini nella stagione invernale 2009/10, con un 2° comunicato sull'analisi degli interventi effettuati nella stagione (tipo di neve, di piste, condizioni meteo, ecc…)

Foto soccorso 1
Foto soccorso 2
Comunicato sul soccorso alpino
Dati percentuali infortuni su piste da sci
Foto fase di soccorso
Foto motoslitta
Foto primi soccorsi 1
Foto primi soccorsi 2
13 aprile 2010
Riportiamo il saluto che la città di Torino ha dato alla Taurinense in partenza per Herat, allegando alle foto anche i comunicati diramati prima e dopo l’evento...

Comunicato partenza per Afghanistan
Cerimonia di saluto alla Taurinense
Bandiere di guerra Taurinense
Piazzale
Rassegna Crosetto
12 aprile 2010
Questo è il primo invio del Col. Paissan, e riguarda l'attività della Brigata Julia, con la sua componente multinazionale (MLF), che comprende anche Sloveni e Ungheresi...

Addestramento plotoni Julia
Foto 1 addestramento plotoni Julia
Foto 2 addestramento plotoni Julia
Foto 3 addestramento plotoni Julia
Foto 4 addestramento plotoni Julia
Foto 5 addestramento plotoni Julia
Foto 6 addestramento plotoni Julia


 

Associazione Nazionale Alpini - Sezione di Milano
Via V.Monti, 36 - Milano - Codice Fiscale 80122270152 - Partita I.V.A. 06101210158
Copyright © 2004 - 2008 Sezione ANA di Milano - Webmaster: Michele Tresoldi - Gigi Rodeghiero

Web site powered by PostNuke ADODB database library PHP Language Supporto Italiano PostNuke
Questo sito è stato creato con PostNuke, un sistema di gestione di portali scritto in PHP. PostNuke è un software libero rilasciato sotto la licenza GNU/GPL. Puoi visualizzare le nostre news usando il file backend.php

Powered by AutoTheme

Powered by the AutoTheme HTML Theme System
Page created in 0.216900 Seconds