Sezione di Milano - Via V.Monti, 36 - 20123 Milano - tel: 0248519720 - fax: 0248025928 - email: milano@ana.it
OPERAZIONE
"PANETTONE DEGLI ALPINI"


Menù Principale


Concerti Cori della Sezione


Scrivici
Manda una e-mail:
direttamente al
oppure alla


80° della Sezione


I graffiti della sede sezionale


Teresio Olivelli


Online
Abbiamo 90 ospiti e 0 iscritti in linea.

Non ti sei ancora registrato?
Puoi farlo adesso click qui.


ANA Milano in Facebook


Progetto Caduti 1915-18


Alpini in Armi


I nostri grandi uomini



Formazione sezionale 2015
Incontri di formazione sezionale

Tecnica giornalistica
Parlare in pubblico
Relazioni Pubbliche
Gestire riunioni efficaci


Appuntamento del giorno

Relazione morale del Presidente - 29Feb04 - parte 4
Inserito da Rodeghiero
Mercoledì, 03 Marzo 2004 - 12:47 AM
News dalla Sezione

LE ATTIVITA’ SEZIONALI


L’Unità di Protezione civile e la Squadra di Intervento Alpino (S.I.A.)
Dei 128 volontari (95 Alpini e 33 Amici di cui 2 donne) che costituiscono l’Unità di P.C. sezionale, un buon numero è stato impegnato in rotazione nelle seguenti attività:

1. settore prevenzione e salvaguardia del territorio (complessivamente 84 presenze per 1008 ore di lavoro):
· intervento nel quadro “Parco Molgora Pulito” per la pulizia dell’alveo di un tratto del fiume omonimo e l’abbattimento di piante decrepite o pericolose per lo scorrimento delle acque (30 presenze per 210 ore di lavoro);
· intervento a Varese Campo dei Fiori nel quadro del “Progetto Prealpi varesine” del 2° Raggruppamento di P.C. (54 presenze per 750 ore di lavoro;
· intervento a Bagnària (PV) su invito della Regione Lombardia per la pulizia dell’alveo di un tratto del fiume Staffora (8 presenze per 48 ore di lavoro);

2. settore formazione (complessivamente 54 presenze per 216 ore di lavoro):
· giornata d’istruzione a Giussano per operatori motoseghisti e su macchine movimento terra (27 presenze per 108 ore di lavoro);
· giornata d’istruzione, sempre a Giussano sulla sicurezza in campo e di pratica nell’impiego di motoseghe Stihil (27 presenze per 108 ore di lavoro.

A ciò si aggiungano altre 81 presenze per 2514 ore di lavoro in attività di collaborazione con la sede nazionale, la sezione, le istituzioni e diversi enti locali, che portano a 227 le presenze dei nostri volontari nell’anno per 3738 ore di lavoro.

Come ho già accennato nella mia relazione precedente, nel 1° trimestre dell’anno l’Unità è stata dotata di un autocarro della portata di 60 quintali, equipaggiato con gru e ragno di sollevamento, che consentirà, oltre il risparmio di tempo, anche il contemporaneo trasporto dei due mezzi di movimento terra in dotazione all’Unità, eliminando così le potenziali condizioni di rischio presenti nelle operazioni di carico/scarico mediante rampe e trasporto in zona d’impiego di un solo mezzo alla volta con l’autocarro leggero.
Con le dotazioni attuali, il nucleo è oggi in grado di operare sul campo con la massima autonomia ed efficienza operativa, ben diverse se confrontate con la situazione di sei anni fa.

Il punto debole della nostra organizzazione di P.C., però, è dato del decentramento del parco autoveicoli, delle macchine di movimento terra e delle altre attrezzature in spazi messi a disposizione da più Gruppi, che non consente la razionale manutenzione degli stessi e dilata i tempi di formazione delle squadre per gli interventi in caso d’emergenza, quando invece la rapidità è una prima condizione necessaria.
Per tale motivo, il CDS ha preso in considerazione la disponibilità del Comune di Cesano Maderno di concedere in comodato gratuito un fabbricato pluripiano di circa 4500 mq. con un’area circostante di disimpegno di circa 3500/4000 mq., che consentirebbe l’accentramento del parco dotazioni facilitando soprattutto le operazioni di manutenzione e di conservazione del patrimonio, riportato sul n. 4 del mese di dicembre 2003 del nostro “Veci e Bocia”, e conseguendo un maggior grado di efficienza dell’Unità.

Dopo un’ampia, attenta valutazione dell’offerta sotto il profilo sia tecnico, sia economico-finanziario, il CDS, avendo preventivamente sottoposto la proposta ai Capigruppo in una precedente riunione e avendone ottenuto l’unanime consenso dei presenti, nella seduta del 3/11/2003 ha deliberato all’unanimità di accettare la proposta, che prevede una moratoria di 3 anni entro i quali si potrà recedere dal contratto, di conferire i poteri necessari al presidente per il perfezionamento degli atti conseguenti e di affidare al vicepresidente ai Gruppi Aldo Barberi, architetto, il compito di gestire il progetto sotto tutti gli aspetti, coinvolgendo per quanto possibile i nostri volontari per la messa in sicurezza della struttura e per quanto sia necessario per renderla agibile a tutti gli effetti.
La Giunta comunale con delibera n. 321 del 9/12/2003 e successiva integrazione del 23/2 ha deliberato la concessione in comodato a nostro favore del fabbricato in discorso, fissandone la copertura assicurativa in 2.500.000 €.
Il relativo contratto, della durata di 30 anni, il cui testo è stato messo a punto di comune accordo, è stato firmato reciprocamente, in forza dei poteri conferitimi dal CDS, mercoledì scorso 25 febbraio.
Le spese conseguenti sono state assunte in proprio dall’Amministrazione comunale.
Al coordinatore Giuseppe Borella, al responsabile operativo Roberto Polonia e a tutti i volontari vada da questa sede un caloroso ringraziamento della Sezione e mio personale per quanto hanno fatto, fanno e faranno.

La Squadra di Intervento Alpino - S.I.A.
composta di Alpini e coordinata da Giovanni Frattini integra l’Unità di Protezione civile.
Nel corso del 2003 essa ha effettuato le consuete uscite mensili in montagna dirette ad affinare le tecniche operative nel lavoro di gruppo per la messa in sicurezza di volontari operanti su terreni scoscesi e/o a rischio, dando esempio di costanza e di serietà nella propria specifica funzione.


Infine, su invito dell’Amministrazione comunale di Foligno in occasione dell’inaugurazione ufficiale di un terzo centro di quartiere per anziani costruito dai nostri volontari, ho potuto personalmente costatare durante la permanenza con quale affetto e generosità la popolazione beneficiata accoglie gli Alpini di Milano in segno di riconoscenza per i 3 interventi di ricostruzione da loro effettuati in seguito al sisma che nel 1997 ha colpito la città e con essa l’Umbria e le Marche.

Il Servizio d’ordine sezionale.
Sempre lodevole il lavoro del nostro Servizio d’ordine sezionale, coordinato da Giorgio Urbinati, operante ogni qualvolta la Sezione o i Gruppi ne richiedono la collaborazione per assicurare l’ordinato svolgimento delle manifestazioni.
Il servizio è svolto in pubblico e quindi sotto gli occhi della cittadinanza che ci vede e, dal come ci si presenta, ci giudica.
Il servizio per essere efficace deve essere efficiente e richiede intelligenza, educazione, buon senso, sia con gli Alpini ma soprattutto col pubblico.
Io credo che dobbiamo a loro, e per la verità anche alla fanfara che di norma ci accompagna, se i nostri cortei non assomigliano, come tanti altri, a masse transumanti disordinatamente da un punto all’altro delle città.

I Donatori di Sangue.
Dalla stampa e dalla televisione sappiamo che, su scala nazionale, l’offerta di sangue da parte di donatori è insufficiente per il fabbisogno ospedaliero soprattutto durante i grandi interventi chirurgici, tanto che se ne deve importare, non si sa bene con quali garanzie per i trasfusi.
Sappiamo che sono piuttosto numerosi, ma non sappiamo chi sono, i Donatori di Sangue della nostra Sezione.
(Sappiamo solo che donano) prevalentemente presso l’Associazione Donatori di Sangue dell’Istituto che oggi ci ospita, e perciò abbiamo avviato, mediante apposito questionario, il loro censimento anche per eventualmente organizzare, con la partecipazione di specialisti, incontri aperti anche e soprattutto a coloro che donatori non sono e diretti alla conoscenza delle attuali tecniche di prelievo del sangue e dei suoi derivati, delle possibilità del loro impiego in campo medico-sanitario e dei rischi del prelievo.
Chiunque, avendo i necessari requisiti sanitari, dovrebbe sentire il dovere umano prima che civico di compiere quest’atto di generosità, di cui tra l’altro potrà trarne beneficio in termini di medicina preventiva.
Al riguardo, Stefano Bruschi, che ringrazio, è la persona di riferimento al quale ciascuno può rivolgersi per ogni informazione.

Il supporto alle iniziative di solidarietà
Anche quest’anno non abbiamo fatto mancare la partecipazione alle iniziative degli enti non profit con cui da anni collaboriamo per la raccolta di fondi finalizzata al finanziamento delle opere umanitarie alle quali essi si dedicano.
E’ sempre più evidente che la presenza degli Alpini e la fiducia riposta in loro dalla cittadinanza, tangibile riconoscimento della nostra serietà, è determinante per il sempre maggior successo delle iniziative.

Tra l’altro abbiamo collaborato:

· il 26/10/2003 con l’A.I.S.M. per la giornata “Una mela per la vita” per la lotta contro la sclerosi multipla, in cui sono stati venduti dai 13 Gruppi che vi hanno partecipato n. 3465 sacchetti di mele, pari a 63 quintali.
L’introito di oltre 22.800 € è stato interamente versato all’AISM;

· il 29/11/2003 con il “Banco alimentare” per la giornata della “Colletta alimentare” promossa dalla Compagnia delle Opere: l’iniziativa, patrocinata dalla Sede nazionale, riscuote sempre maggior successo, tanto che nei 3.300 punti di vendita di 1.150 Comuni sono state raccolte 5.638 tonn. di generi alimentari con un incremento del 13% rispetto l’anno precedente.

Ai Gruppi e a tutti coloro che hanno collaborato per successo delle due come di tante altre iniziative locali di Gruppo, porgo il cordiale ringraziamento del Consiglio direttivo sezionale e mio personale.

Nota:

Relazione morale del Presidente - 29Feb04 - parte 4 | Log-in/Creare un account | 0 Commenti
I soli responsabili dei commenti sono i rispettivi autori.
Album fotografico


Calendario 2017


Link Portale ICS


Calendario appuntamenti
<<     Ottobre 2017    >>
L M M G V S D




Login




 


Registrazione

Recupero pwd smarrita.



ADEMPIMENTI FISCALI


Stampa alpina


Concorso letterario


Belle famiglie alpine


Cerca nel portale



Veci e Bocia on-line


I Quaderni sezionali


Portale ANA nazionale


Mercatino


Radio Meneghina


 

Associazione Nazionale Alpini - Sezione di Milano
Via V.Monti, 36 - Milano - Codice Fiscale 80122270152 - Partita I.V.A. 06101210158
Copyright © 2004 - 2008 Sezione ANA di Milano - Webmaster: Michele Tresoldi - Gigi Rodeghiero

Web site powered by PostNuke ADODB database library PHP Language Supporto Italiano PostNuke
Questo sito è stato creato con PostNuke, un sistema di gestione di portali scritto in PHP. PostNuke è un software libero rilasciato sotto la licenza GNU/GPL. Puoi visualizzare le nostre news usando il file backend.php

Powered by AutoTheme

Powered by the AutoTheme HTML Theme System
Page created in 0.271378 Seconds